La rete discute molto in questi giorni della ragazza cinese che offriva una notte di sesso in cambio di ospitalita e conseguentemente accusa quanto il giornalismo italiano sia caduto in basso nell’essersi bevuta questa news rivelatasi poi essere falsa senza averla verificata preventivamente.

Si tratta infatti di una riuscitissima iniziativa di marketing digitale volta a lanciare un app di dating per il mercato cinese.

Il punto, forse, è che probabilmente i “media italiani” non sono poi così tanto beoti e non ci sono cascati per nulla in questa news, tra l’altro la redazione di Assodigitale non se la è proprio bevuta.

Ma anzi credo che questa storia del sesso in cambio di ospitalita i media (quelli veri) l’abbiano saputa strumentalizzare adeguatamente per recuperare traffico in un mercato editoriale sempre più agguerrito e competitivo.

Ma forse i veri “beoti” sono proprio i lettori, che invece hanno bisogno di queste news e che ci cascano alla grande e conseguentemente i media si adeguano.

Provate a pensarci bene.

#senzatimore